• g.prodi@libero.it

Tag Archives: romanzo

11 settembre

11 settembre 2001

Quella mattina dell’11 settembre.

Nella storia degli Stati Uniti ci sono 3 date simbolo, 3 giorni che hanno creato uno spartiacque tra il prima e il dopo e che hanno dato il via sia ad eventi storici ben precisi, molto spesso drammatici, sia a teorie complottistiche di ogni genere.

Giovanni

Un assaggio del romanzo “La Donna di Cuori”

PROLOGO

Dal New York Times del 01 Settembre 2001. Dodicesima pagina.

Morta apparentemente per suicidio Kimberly Sammers, una delle segretarie del senatore Edward McDonald.

New York. Kimberly Sammers, 30 anni, è stata trovata morta ieri notte nella trentaduesima strada da due ragazzi che erano appena usciti da una discoteca poco distante. Il suo corpo era disteso sul tetto di un’auto parcheggiata sul lato destro della strada.

I due ragazzi hanno raccontato alla polizia di aver sentito un botto fortissimo e di essere rimasti inizialmente perplessi sulla provenienza di tale rumore sordo. Il corpo della Sammers aveva evidentemente sfondato il tetto della Chrysler bianca parcheggiata accanto al marciapiedi, dopo essere precipitato dal palazzo accanto.

La ragazza abitava infatti in un appartamento con vista sulla strada al diciassettesimo piano di tale condominio.

La polizia e il personale medico sono immediatamente accorsi sul posto, ma non hanno potuto fare altro che costatare il decesso della ragazza.

E’ apparso subito chiaro a tutti i presenti che la Sammers si fosse gettata dal balcone della sua abitazione, morendo sul colpo per la gravi lesioni interne riportate. Sconosciuti sono invece i motivi che hanno portato la donna a compiere un gesto così drammatico.

Da due anni era la segretaria del senatore del Congresso Edward McDonald. Lavorava gran parte della settimana a Washington nello studio del noto uomo politico e saltuariamente tornava a New York per il fine settimana o per brevi periodi di vacanza.

All’interno dell’appartamento non è stato trovato nessun biglietto o nessun indizio che spiegasse i motivi di tale gesto.

La polizia ha rinvenuto solo due scotole di Caxotect, un forte antidepressivo, in un cassetto della camera da letto della donna.

I vicini di casa della ragazza hanno però sostenuto che la Sammers non aveva mai sofferto di problemi depressivi, descrivendola come una persona solare e con una gran voglia di vivere e di realizzarsi nel proprio lavoro.

Durante le ultime tre settimane non si era però presentata in ufficio.

Aveva chiesto un permesso per motivi di salute ed aveva passato l’intero periodo a New York.

Il Senatore McDonald si è subito affrettato a manifestare il proprio dolore, porgendo tutto il suo cordoglio alla famiglia della vittima. La donna non era sposata e non aveva figli. Lascia i genitori e una sorella.

Dalla nostra corrispondente, Rebecca Clark.

SLIDE 1

Dal rapporto dell’agente di polizia di New York Samuel Tolson, del 01 Settembre 2001

…siamo giunti sul posto, al numero 45 della diciannovesima strada, alle ore 22.30 circa.

Trattatasi di uno studio di una psicologa professionista di nome Hethel Mead, situato al terzo piano dell’edificio.

La pattuglia composta da me e dall’agente Callaghan ha fatto da scorta al detective Booth che, con l’ausilio del medico legale e di alcuni colleghi, ha effettuato le prime analisi sull’omicidio.

La donna risulta morta per le conseguenze di numerosi colpi di pistola sparati in pieno viso.

Il nostro stato operativo è durato fino alle 00.30, quando il cadavere della donna è stato portato via e lo studio è stato messo sotto sequestro. Nessun altro intervento particolare è stato richiesto alla pattuglia rappresentata dal sottoscritto in merito a questo delitto.

Una volta abbandonato il luogo dell’omicidio abbiamo ripreso il nostro regolare servizio nella zona di competenza fino alle 02.00 del 02 Settembre 2001.

Samuel Tolson

SLIDE 2TO BE CONTINUED…

SalvaSalva

SalvaSalva

Giovanni
premio un fiorino

Premio “Un Fiorino 2013”

“La Donna di Cuori” vince il premio “Un Fiorino 2013”

Il 19 Luglio 2013 salii in auto e partii da Ravenna per Monterotondo in provincia di Roma.

Mi avevano comunicato che il mio romanzo era tra i finalisti ma, ovviamente, non sapevo di avere vinto.

Da Ravenna a Monterotondo ci sono circa 400 km. Il regolamento del concorso prevedeva che la presenza alla cerimonia era obbligatoria per aggiudicarsi il premio, rappresentato oltre che dalla targa, anche e sopratutto, dalla pubblicazione del romanzo senza richieste di contributi da parte dell’editore (obiettivo molto ma molto ma molto difficile da raggiungere per uno scrittore esordiente…).

Avendo partecipato, speravo dentro di me nella vittoria, ma ero uno dei tanti all’interno della sala.

Poi una delle giurate disse testualmente:

“Per lo stile narrativo, per la capacità di creare suspance e per l’attualità dell’argomento trattato, vince il premio “Un Fiorino” 2013 Giovanni Prodi con il romanzo “La Donna di Cuori”.

premio un fiorino

Fu l’inizio dell’avventura…

Giovanni
scriviamo insieme

Premio ScriviamoInsieme 2014

31/05/2014. Dopo il primo premio è arrivato il secondo…forse qualcosa di buono il mio romanzo ce l’ha davvero…

Premio scriviamoInsieme – Sezione romanzi Thriller.
motivazione la donna di cuoriHR

scriviamo insieme

scriviamo insieme

Giovanni
1